IL SERVIZIO

LA POSIZIONE DELL’ASSICURATO

È compito e responsabilità dell’assicurato valutare i rischi aziendali, identificarne la corretta gestione, determinare i “valori di assicurazione” dei beni patrimoniali e delle altre voci di attività rientranti nell’oggetto dell’assicurazione, e di mantenerne nel tempo la congruità: le tecnicalità della contrattualistica assicurativa unitamente agli stringenti criteri dell’estimo assicurativo comportano rischi evidenti per l’azienda.

IL PROBLEMA

L’approccio prospettico e la complessa contrattualistica di polizza in tema di “Valori di Assicurazione” è spesso causa di errori e contestazioni con le Compagnie in caso di sinistro. Ma sovrassicurazioni e sottoassicurazioni possono comunque avere ripercussioni economiche e finanziarie ed impattare significativamente sul bilancio (costi non corretti, fondi rischi non adeguati) oltre che sulle responsabilità delle figure apicali, dei proposti interni alla gestione del rischio, degli stessi Organi di Controllo (Collegi Sindacali, Società di Revisione, ODV, Internal Auditors).

LE SOLUZIONI DI OTA

In qualità di organismo di valutazione indipendente, OTA è riconosciuta da tutte le Compagnie di Assicurazione italiane ed estere operanti in Italia per i servizi di stima A FINI ASSICURATIVI conformi ai requisiti richiamati nella “Clausola di Convenzione Speciale” (assicurazioni con dichiarazione di valori, inseribile in polizza), ed ai criteri specificati nelle condizioni generali delle polizze di riferimento: Incendio, AllRisks, Rami Tecnologici e Interruzioni di attività.

Il recepimento in polizza delle stime OTA consente la non applicazione dei meccanismi automatici, a vantaggio delle aziende assicurate (ad esempio, la deroga all’applicazione della regola proporzionale ex art. 1907 C.C., sulle partite di beni stimati da OTA e su eventuali loro incrementi in corso di annualità, nei limiti consentiti).

NOTA: si rammenta che per gli aspetti prettamente assicurativi la competenza è riservata esclusivamente alla Compagnia assicuratrice e all’Intermediario di fiducia legalmente abilitato (R.U.I. – Registro Unico degli Intermediari assicurativi).